Ubuntu 18.04

0
14

Canonical ha recentemente rilasciato Ubuntu 18.04, l'ultima iterazione della sua popolare distribuzione Linux, soprannominata Bionic Beaver. Ubuntu 18.04 è una versione di supporto a lungo termine (LTS) e riceverà aggiornamenti e supporto da Canonical fino ad aprile 2023. Ma più in particolare...

L'unità è sparita. GNOME è tornato. E Ubuntu non è mai stato meglio.

La fine del desktop Unity dell'azienda, che Canonical ha abbandonato per concentrarsi sul suo lavoro per i sistemi server e IoT, arriva quasi sette anni dopo che ha sostituito GNOME 2. Mentre l'interfaccia utente di Unity è stata molto amata o odiata, è stata (nel bene o nel male) la cosa che ha definito Ubuntu per quasi l'ultimo decennio. Si potrebbe pensare che la fine di Unity lascerebbe Ubuntu senza timone e alla deriva, ma direi che ha fatto esattamente il contrario.

Ubuntu Unity è morto: Il desktop tornerà a GNOME l'anno prossimo
Bionic Beaver segna la prima volta che gli utenti della release LTS danno un'occhiata al nuovo desktop basato su GNOME di Ubuntu. E per la prima volta in un bel po' di tempo, Ubuntu si sente come una distro che spara su tutti i cilindri, rivelando quella che potrebbe essere la sua versione più forte di sempre, in un pacchetto LTS niente di meno. Non solo il 18.04 vale l'aggiornamento - specialmente per chi arriva dall'ultima release LTS (16.04) - vale la pena di controllare anche se si utilizza una distribuzione completamente diversa.

Se avete usato la release 17.10 dello scorso autunno, conoscete già la nuova versione leggermente personalizzata di GNOME che arriva a sostituire il desktop Unity di Ubuntu. Detto questo, la 17.10 è stata una versione di prova, una versione che ha avuto dei seri problemi grazie a un bug dell'installatore che ha cancellato un po' di hardware. Con il 18.04, il test è terminato e la lucidatura è stata applicata (e in alcuni casi le cose sono tornate a opzioni ancora più stabili). Nei miei diversi mesi di test durante tutto il ciclo di rilascio della beta, il 18.04 si è dimostrato molto solido.

Scarica Ubuntu 18.04

Ubuntu 17.10: Ritorno dello GNOME

Anche se gran parte del lavoro per questa release è entrato nella transizione da Unity a GNOME e si è assicurato che sia un'esperienza fluida per gli utenti desktop, questa è ben lungi dall'essere l'unica storia qui. In effetti, questo sforzo non è nemmeno la parte più interessante delle novità del 18.04. Gran parte di ciò che è grande in questa release non è rivolta al desktop. Piuttosto, gli utenti di server che distribuiscono Ubuntu su una qualsiasi delle principali piattaforme cloud apprezzeranno davvero quest'ultima iterazione.
Questa realtà potrebbe essere un po' sconcertante per gli utenti desktop, molti dei quali sono già convinti che Ubuntu abbandonerà il desktop a favore dei mondi più redditizi dei server e dell'internet degli oggetti, ma non credo che sia questo il caso. Se non altro, Canonical sa che gli sviluppatori hanno bisogno di un desktop solido su cui fare il loro lavoro, quindi è improbabile che Ubuntu si liberi del suo desktop solo perché è meno redditizio. Anche se è puramente aneddotico, la maggior parte degli sviluppatori che ho incontrato e con cui ho lavorato con chi ha usato Ubuntu lo ha fatto perché ci si è abituato prima su un server. Ecco perché ha senso che Canonical si concentri sui server: non solo è dove c'è il denaro, è da dove proviene una buona parte dei suoi utenti desktop.

Anche se il desktop è diventato un progetto puramente comunitario con pochissimo input da parte di Canonical - che, ancora una volta, non vedo accadere, ma ipoteticamente - penso che sia in una posizione migliore per sopravvivere, o addirittura prosperare, con la sua nuova interfaccia GNOME che con Unity. GNOME certamente non va da nessuna parte, e mentre Canonical ha già iniziato a contribuire a monte, la maggior parte del lavoro svolto è ben al di fuori dell'influenza di Canonical. In confronto, Unity era esclusivamente il lavoro degli sviluppatori Canonical.

Quindi la storia breve è che Unity è sparita, ma non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. Non solo il passaggio a GNOME è abbastanza agevole grazie alle modifiche apportate da Canonical a GNOME Shell, ci sono molti altri gusti di Ubuntu tra cui scegliere. Ci sono, infatti, sette gusti ufficiali di Ubuntu, la maggior parte dei quali offrono una versione LTS (anche se nel caso dei gusti, LTS di solito significa tre anni, non cinque). Osserveremo più da vicino diversi gusti di Ubuntu, ma prima è il momento di riflettere sul nuovo GNOME predefinito che la maggior parte degli utenti vedrà.

Scarica Ubuntu 18.04

CONDIVIDI
Articolo precedenteUbuntu 14.04.5 LTS
Prossimo articoloUbuntu Tweak
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here